Italia - Suore_zelatrici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Italia

Dove siamo

Casa Madre


Si trova in via Santa Chiara D'Acquili n.20 ed è stata, fin dall'inizio, sede di formazione di base e Casa di Noviziato. Perché gli stadi
della formazione fossero vissuti bene, nell'anno 1970, con l'apertura della casa in via Sallustio, furono qui trasferite le giovani
universitarie e le ospiti anziane. Perché però nella casa continuasse un'attività ove far esercitare l'apostolato tra i bambini, tanto cari
alla Madre Fondatrice, vi fu aperta una scuola materna nell'anno 1983. Detta scuola vi ha funzionato regolarmente fino al periodo del
sisma. Dopo il sisma del 6 Aprile 2009 la Scuola dell'Infanzia Maria Ferrari, grazie all'intervento del Comune e del Ministero
dell'Istruzione, comincia a funzionare in Via Dei Medici, località Vetoio (AQ) con un elevato incremento dei bambini frequentanti.
Scuola dell'Infanzia Maria Ferrari
La scuola si trova nella città dell'Aquila in via dei Medici n° 3/c.
La direttrice resonsabile della scuola è attualmente la Rev.da Superiora Sr. Rosa Fischione

Dopo il sisma del 6 Aprile 2009 la Scuola dell'Infanzia Maria Ferrari, grazie all'intervento del Comune e del Ministero dell'Istruzione, comincia a funzionare in Via Dei Medici, località Vetoio (AQ) con un elevato incremento dei bambini frequentanti.
Nella stanza della Madre Fondatrice dall'anno 2003-2004 si son volute raggruppare le cose appartenenti alla stessa, facendo così una vera e propria stanza dei ricordi.
In questa stessa casa risiede la Superiora Generale dalla quale dipende l'andamento dell'intero Istituto. Gerarchicamente l'Istituto è composto: Superiora Generale con il suo Consiglio (4 membri) le varie case filiali con una propria animatrice di comunità ognuna delle quali, per ragioni di un certo rilievo, fa capo alla Superiora Generale stessa.
Un altro gruppo di religiose, dietro invito della Curia di Bari - che desiderava dare una mano in questo periodo di disagio - si reca a Bisceglie (BA) ove riapre una Scuola dell'Infanzia che negli anni a dietro già funzionava e alla quale viene dato il nome di Scuola dell'Infanzia Maria Ferrari.


Oasi Stella Maris - Roma

Nell'anno 1998, l'Istituto raggiunge finalmente la meta di avere una casa a Roma. La casa viene donata dalla Signora Pinuccia Versino.
In detta Casa vi soggiornano le Suore che si dedicano agli studi formativi e, allo stesso tempo, è un punto di riferimento per coloro che si recano nella capitale per vari motivi.

Aggiungere ancora notizie o ridurre le immagini


Casa Immacolata Concezione

Responsabile Rev.da Superiora Sr. Mirella Del Vecchio

Via del Palazzo

67020 San Gregorio (AQ)

Nel corso degli anni, intanto, l'Istituto cercò nuove vie per ampliare l'apostolato lasciatogli in eredità dalla Madre Fondatrice. Venne così aperta una casa in San Gregorio (AQ), denominata Casa Immacolata Concezione. Ciò avvenne nel 1939 in  seguito alla donazione della Signora Baronessa, Nardis Gulia. Le attività che in questa casa si cominciarono a svolgere erano: scuola materna, orfanatrofio, lavoro pastorale-parrocchiale. Da alcuni anni vi funziona, in maniera incisiva ed efficace, un'attività propria della Casa Famiglia in cui sono ospitati bambini affidati dal Tribunale dei Minori, oltre a quella di Casa Madre e Bambino. Ciò, naturalmente, in aggiunta a quanto già vi si svolgeva.
Subito dopo il sisma la Direttrice della Casa ha portato in salvo 30 bambini-ospitati poi a Silvi Marina (PE), dove già negli altri anni si recavano al mare. Lei non ebbe paura a lanciare un appello, una richiesta d'aiuto in TV per ricostruire  la struttura ed infatti, grazie alla grande generosità dei benefattori si è riusciti a ripartire con l'attività appena dopo 10 mesi di lavoro.

Alla scuola dei piccoli orfani ci pensa l'Ania
Il 16 aprile 2009, nel Tg1 delle 20, l'inviata della Rai dedica un servizio alla storia della casa famiglia e della scuola materna parificata di San Gregorio, nella diocesi dell'Aquila, distrutta dal terremoto. Suor Mirella, direttrice della casa famiglia, racconta come le otto suore zelatrici del Sacro Cuore che la gestiscono, una delle quali è morta nel sisma, abbiano salvato i trenta orfani affidati loro dal Tribunale dei minori. Ora, spiega suor Mirella, le religiose vivono in un container, mentre i bambini si trovano in un altro edificio della diocesi. Chiusa la materna, che era frequentata da altri 32 bambini. "Speriamo che qualcuno ci aiuti a ricostruire quella casa, per evitare altri traumi ai bambini", dice in diretta suor Mirella.
Caso vuole che quel tg venga visto da Gabriella Carmagnola, direttore delle relazioni esterne dell'Ania, l'Associazione nazionale delle compagnie di assicurazione. Carmagnola ne parla con Fabio Cerchiai, presidente di Ania. Il quale è già convinto della necessità di dare una mano, come l'Ania ha già fatto in occasione di altri tragici eventi di carattere nazionale, e sta guardandosi intorno per capire su quale progetto è meglio intervenire. Il 21 aprile, è il comitato esecutivo dell'Ania a stabilire su proposta dello stesso Cerchiai che l'associazione, impegnando qualcosa come 800mila euro, si farà carico della ricostruzione dell'edificio e degli interni della casa famiglia a San Gregorio. Che fra l'altro vive esclusivamente di donazioni volontarie. Carmagnola e Cerchiai il giorno stesso partono per l'Abruzzo per dare la buona novella a suor Mirella, che tutto si aspettava fuori che una risposta così rapida al suo appello. Né si aspettava l'invito di poco successivo che le è arrivato da Monica Setta per 'Domenica in' del 29 aprile. Lì è stato ufficializzato l'impegno dell'Ania, e a suor Mirella e alla madre superiora suor Lidia è stato consegnato da Cerchiai il classico grande assegno simbolico in stile signor Bonaventura.


A18 mesi dal terremoto, racconta Rossana Linguini, un anno e mezzo dalla notte in cui ìa terra tremò, siamo tornati a L'Aquila: questa volta per raccontare una bella storia, se è possibile farlo con le macerie ancora tutte lì, gli edifìci puntellati e sostenuti da cinture surreali a contenere le ferite ancora aperte. Eppure, in questa città dove la ricostruzione sembra non dover partire mai, un edificio ricostruito, e per davvero, c'è: è la scuola materna di San Gregorio, frazione dell'Aquila, ritirata su in mattoni cosi come l'attigua casa--famiglia. proprio lì dove era crollata.
Il "miracolo" lo hanno fatto suor Mirella Del Vecchio, responsabile della scuola materna e della casa-famiglia per minori in difficoltà "Immacolata Concezione", e l'Ania, l'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici, che ha finanziato la ricostruzione.

Casa S. Giuseppe - Ospitalità San Giuseppe
Responsabile Rev.da Superiora
P.le Pasquale Paoli, 12
67100 L'Aquila

L'Istituto si dirige inoltre verso l'apertura di nuove case nelle quali si svolgessero opere caritative e comunque rispondenti ai desideri della Madre Fondatrice. Fu così aperta, nell'anno 1952, la Casa di Cura San Giuseppe. Detta casa fu regolarmente riconosciuta ed autorizzata con Decreto Prefettizio del 28 Gennaio 1952. Fino a 1994 circa vi si sono praticate cure idrofitoterapiche per calcolosi epatiche e renali. Dopo tale anno non ci si è arrestate nel fare il bene ma si è continuato ad ospitare anziani e persone che richiedevano ospitalità ciò è avvenuto nel 1996 fino all'anno del sisma.
Molta gente viene in questa struttura per soggiornare e diversi ospiti con l'esperienza unica che hanno avuto precedentemente di assistenza, accoglienza e ospitalità dalle Suore e dai dipendenti.  Questa Casa è, possibilmente, un modello della vita di S. Giuseppe e un indelebile segno lasciato dalla Fondatrice alle sue figlie. La pia casa di lavoro è un'opera sociale, da lei gia vissuta con spirito di fede: infatti, la sua prima scelta è l'affidamento della sua opera a S. Giuseppe.  
E' un ideale soggiorno per vacanze - anche prolungate  - offre agli ospiti menù caserecci, tipici della tradizione locale.

Casa Madre

Sr Rosa Fischione

Superiora e  Direttricie,  Scuola Materna Maria Ferrari ,

via dei Medici

Sr Lucila Faelnar

Coordinatrici Scuola Maria Ferrari  Via Dei Medici


Oasi Stella Maris - Veduta esterna

Oasi Stella Maris - Cappella

Casa Immacolata Concezione
Suor Mirella
Madre Generale

Casa S. Giuseppe - Struttura

Ingresso

Padova - Campagnola di Brugine

Responsabile Rev.da Superiora Sr. Edn Falcasantos
c/o Parrocchia Mater Divini Amoris
Via Aldo Moro
35020 - Campagnola di Brugine (PD)
tel. 049/9735019

Mater Divin Amoris

Il giorno 5 Settembre 1992, in seguito ad un previo invito da parte del parrocco Don Pierluigi Arzenton, 4 religiose dell'Istituto iniziano l'attività apostolico-parrocchiale, a Campagnola di Brugine (PD) ove si spera di ottemperare a quanto le nostre Costituzioni Generali contemplano. Qui le religiose si dedicano al bene dei bambini nella Scuola Materna e al bene dei parrocchiani nel lavoro apostolico- parrocchiale.


[image:image-1]

Veduta Esterna della Scuola d'Infanzia

[image:image-2]

Sr. Yuliana Passionista
Aiutante Scuola e Attività Parrocchiale

[image:image-3]

Sr- Pia Maria
Economa Aiutante  Scuola  e Attività Parrocchiale

Casa Santa Caterina

Pensionato Universitario  "Santa Caterina" delle Suore Zelatrici del Sacro Cuore "Ferrari"

Responsabile Rev.da Superiora Sr Paola Rampini

Via Sallustio 38 - 67100   L'aquila Tel.: 0862  414112, 414219 Fax: 0862-481428
E-mail: iscferrari@yahoo.it

Nella struttura si attua una duplice opera: pensionato per le signore anziane e pensionato per le giovani studentesse universitarie.
Una parte di essa è riservata alle signore ospiti della terza età che trovano ivi sollievo, sopratutto perché ci sono le anime consacrate dalle quali si sentono amate, le stesse offrono, generosamente e gioiosamente, servizi e attenzioni venendo loro incontro nei limiti possibili a tutte le necessità.
L'altra parte invece è destinata alle studentesse universitarie che fin dall'inizio sono state numerose le richieste provenienti da vari paesi per completare i loro studi in questa città. E' una missione questa provvidenziale ed importante che permette di seguire le giovani nel tempo dell'età delicata e d'incertezza, specialmente per chi proviene da centri e famiglie di retti principi che vogliono prepararsi ad una vita sana e seriamente impegnata. E' un ambiente questo moderno e decoroso, sano e accogliente che invita allo studio e alla formazione per una vita fruttuosa nelle future incombenze.
La Casa "Santa Caterina" è un gradevole e confortevole edificio, a poca distanza delle principali facoltà universitarie  e all'inizio dell'area pedonale cittadina.
Essa non intende proporsi solo come luogo fisico di ospitalità ma vuole essere comunità in cui ci si educa al rispetto, alla corresponsabilità e alla convivenza, si impara a vivere in condivisione, solidarietà e servizio,si ha la possibilità di approfondire contenuti di fede e, infine, ci si stimola ad allargare i propri orizzonti culturali.
Le camere singole e doppie sono tutte dotate di servizi, sono arredate con semplicità e funzionali allo studio.
Gli spazi comuni comprendono la cappella, la sala TV, la sala-studio dotata di collegamento internet; inoltre le giovani universitarie dispongo di una attrezzata cucina per loro esclusivo uso.
L'Istituto per favorire alle giovani una vita  serena offre un'ospitalità sana, indispensabile per lo studio.
L'orario di rientro serale è fissato alle 22,30 eccetto il giovedì e sabato alle 23,00.
Le giovani universitarie provvedono alla pulizia della camera, della cucina e della biancheria personale. L'Istituto 1 (una) volta la settimana igienizza i locali comuni delle studentesse come anche le stanze da loro frequentate.
La retta è regolata per tutto l'anno accademico (Ottobre/Giugno) con canone anticipato mensile. Per eventuali recessi anticipati è obbligatorio regolare il mese in corso e quello successivo alla consegna della disdetta. Per i periodi (fuori l'anno accademico) inferiore a gg. 15 è prevista una retta giornaliera. Nell'eventualità di posti disponibili la Casa accoglie anche studentesse che richiedono un soggiorno per pochi giorni; in tal caso la quota sarà concordata con la Direzione.
La Casa richiede alle giovani il rispetto del regolamento che intende disciplinare i rapporti tra la comunità e le giovani che, a loro volta, sottoscrivendo tale regolamento, si impegnano ad accettare le finalità e di adeguarsi alle norme da esso indicate.

[image:image-1]

 

[image:image-2]

 

[image:image-3]

 

[image:image-4]

 

[image:image-5]

 

Comunità Vescovado

Presenza delle Religiose dell'Istituto presso l'Arcivescovado del L'Aquila

Dal 31 Agosto 1972 fino ad oggi.

[image:image-1]

Sr. Teresa Superiora comunità Arcivescovado

[image:image-2]

Comunità Arcivescovato insieme a sua ECC. MONS GIUSEPPE MOLINARI

Torna ai contenuti | Torna al menu